L'ANTICA ERBORISTERIA MADRESELVA IN VIA ALIBERTI 31 AD ASTI E' APERTA CON IL CONSUETO ORARIO 9-12.30 15,30-19,30 TUTTI I GIORNI DAL LUNEDI' AL SABATO
Sabato, 28/03/2020
18:04

Direttore responsabile Franco Musso

ASSOCIAZIONE RADIO ASTI EUROPA P.IVA 01553610054

 

Home Page

 

 

 


L’IMPEGNO DI GAIA AL TEMPO DEL COVID19 PER GARANTIRE LA GESTIONE RIFIUTI

Tutele per i dipendenti, dialogo aziendale e disponibilità a modificare l’organizzazione del lavoro

La gestione dei rifiuti è un servizio pubblico essenziale che non può venire meno anche nelle situazioni più critiche. GAIA per garantire il servizio sta reagendo con una serie di iniziative organizzative, mantenendo ai massimi livelli la tutela della salute e sicurezza di tutti i lavoratori.

Adeguando la struttura informatica è stato attivato da subito lo smart-working per gli impiegati che, a partire dai soggetti più esposti e dai pendolari, fin dalle prime restrizioni hanno potuto rimanere a casa garantendo la continuità lavorativa.

Nei luoghi di lavoro sono state adottate le precauzioni di distanza, forniti i disinfettanti per le mani e per le attrezzature, disposta la distribuzione di DPI (Dispositivi di Protezione Individuale) legati ai nuovi rischi emersi, insieme ad altre misure confluite in un Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro.

Le mascherine che abitualmente GAIA fornisce ai lavoratori che selezionano i materiali della raccolta differenziata sono le stesse che oggi servono agli operatori sanitari in prima linea e così, ascoltando l’appello diramato in questi giorni, la società ha deciso di donare 60 di queste mascherine categoria FFP3 all’ASL di Asti, consegnate ieri direttamente al dott. Ivaldi.

È stato definito un “Piano per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Coronavirus” con misure in caso di indisponibilità di personale, come la chiusura delle Ecostazioni con gli addetti indirizzati all’attività del polo di Valterza, o le modifiche all’organizzazione dei turni di lavoro per tutelare i soggetti più a rischio.

Sono state diramate numerose comunicazioni per aggiornare i dipendenti sulla situazione e sulle disposizioni da adottare; informative per clienti/fornitori/trasportatori in modo da evitare comportamenti potenzialmente pericolosi da parte di chi entra negli impianti di GAIA (le aziende di raccolta rifiuti, trasportatori, lavoratori di ditte esterne…).


“Stiamo facendo tutto il possibile con azioni concordate, frutto dell’abitudine al dialogo tra le parti” sottolinea il Direttore Generale di GAIA Ing. Flaviano Fracaro, “abbiamo istituito un gruppo di Coordinamento in cui personalmente mi confronto con il Responsabile della Sicurezza, il responsabile del personale, le rappresentanze dei lavoratori, il medico competente al fine di avere la situazione sotto controllo e poter intervenire tempestivamente nelle situazioni critiche che, per tanto si cerchi di prevenirle, possono sempre presentarsi. Ho inviato” prosegue il Direttore di GAIA “una lettera ai dipendenti per ringraziarli della disponibilità ed elasticità dimostrate nell’adeguarsi alle nuove esigenze. La tradizionale attenzione per gli aspetti di sicurezza sui luoghi di lavoro per cui GAIA è certificata fin dal 2009 ISO45001 (ex OHSAS18001), in questa situazione è un valore aggiunto che ci aiuta ad affrontare l’emergenza”.

GAIA ha anche stipulato una nuova assicurazione per i propri dipendenti che, nel malaugurato caso di contagio, potranno beneficiare di indennizzi in caso di ricovero, per la convalescenza o per l’assistenza post ricovero causato da infezione da COVID19 al fine di gestire al meglio il recupero della salute e la gestione familiare. “Chiediamo flessibilità ai lavoratori ma vogliamo tutelarli il più possibile” aggiunge il presidente di GAIA, Ing. Luigi Visconti, “in questa circostanza voglio ringraziare in modo caloroso tutti i dipendenti per la disponibilità e il grande senso di responsabilità che stanno dimostrando a tutti i livelli, consapevoli dell’importanza del nostro lavoro quotidiano e della professionalità necessaria per affrontare le situazioni critiche come questa”.

+++++++++++


Le Ecostazioni di GAIA proseguiranno la chiusura inizialmente fissata fino al 25 Marzo.

In conseguenza al protrarsi dell’emergenza Coronavirus e in ottemperanza a quanto disposto dalla nota prot. n. 13.140.20\EMERG\1-2020A della Direzione Ambiente, Energia e Territorio della Regione Piemonte, le 12 Ecostazioni di GAIA continueranno a restare chiuse fino al termine dell’emergenza e al nulla osta da parte delle Autorità competenti.

Pertanto i centri di raccolta a Bubbio, Calliano, Canelli, Castello d’Annone, Castelnuovo Don Bosco, Costigliole d’Asti, Mombercelli, Montiglio M.to, Roccaverano, San Damiano d’Asti, Villafranca d’Asti, Villanova d’Asti non apriranno i loro cancelli ai cittadini.

Rimane la possibilità per le ditte e le aziende che conferivano alle Ecostazioni, già convenzionate con GAIA, di portare comunque i propri rifiuti al Polo di trattamento rifiuti ad Asti (loc. Quarto Inferiore 273), previa comunicazione all’impianto e prenotazione telefonica (0141 476703).

La chiusura consente di concentrare le energie lavorative ai soli servizi essenziali (l’attività degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti) ed è coerente con il divieto allo spostamento delle persone fisiche se non per le attività essenziali contemplate dai DPCM emanati in queste settimane.

+++++


CHIUSE LE 12 ECOSTAZIONI DI GAIA FINO AL 25 MARZO

Misura disposta con l’evoluzione dell’emergenza COVID-19

Da domani, sabato 14 Marzo 2020, fino a mercoledì 25 Marzo 2020, tutte le 12 Ecostazioni di GAIA rimarranno chiuse. Si tratta dei centri di raccolta a Bubbio, Calliano, Canelli, Castello d’Annone, Castelnuovo Don Bosco, Costigliole d’Asti, Mombercelli, Montiglio M.to, Roccaverano, San Damiano d’Asti, Villafranca d’Asti, Villanova d’Asti.

La misura si rende necessaria per limitare l’operatività ai soli servizi essenziali così il personale presente nelle Ecostazioni potrà supportare le attività degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti di GAIA.

Inoltre, tenuto conto che la raccolta della maggior parte dei rifiuti urbani prodotti viene garantita dalle ordinarie raccolte domiciliari e/o di prossimità (porta a porta o cassonetti stradali), la chiusura contribuisce a limitare lo spostamento delle persone fisiche per le sole attività “non indifferibili o urgenti”.

In seguito al D.P.C.M 08/03/2020 GAIA aveva già proceduto a contingentare gli ingressi nelle Ecostazioni ma con l’evolversi della situazione si è ritenuto opportuno, in accordo con il CBRA (Consorzio di Bacino per i Rifiuti dell’Astigiano) e con le indicazioni di UTILITALIA (la Federazione delle Aziende italiane operanti nei servizi pubblici), di interrompere completamente l’accesso dei conferimenti alle Ecostazioni.

Considerando la sospensione anche di buona parte delle attività commerciali di dettaglio, la chiusura delle Ecostazioni appare utile e coerente con l’attuale situazione emergenziale; nel caso di ditte, già convenzionate con GAIA che in questa fase hanno necessità di conferire comunque i propri rifiuti, potranno recarsi al Polo di trattamento rifiuti ad Asti (loc. Quarto Inferiore 273), previa comunicazione all’impianto e prenotazione telefonica (0141 476703). Asti, 13/03/2020

AGGIORNATO IL
27/03/2020 21:20:00

L'INFORMAZIONE

RUBRICHE