L'ANTICA ERBORISTERIA MADRESELVA IN VIA ALIBERTI 31 AD ASTI E' APERTA CON IL CONSUETO ORARIO 9-12.30 15,30-19,30 TUTTI I GIORNI DAL LUNEDI' AL SABATO
Sabato, 28/03/2020
19:06

Direttore responsabile Franco Musso

ASSOCIAZIONE RADIO ASTI EUROPA P.IVA 01553610054

 

Home Page

 

 

 


Nella Diocesi di Asti sospese le messe

Asti, 8 marzo 2020 - Il nuovo Dpcm "Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covdi 19" firmato questa notte dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte tratta anche il tema delle funzioni religiose.
"L'apertura dei luoghi di culto è condizionata all'adozione di misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro. Sono sospese le cerimonie civili e religiose, ivi comprese quelle funebri".

Il vescovo di Asti Marco Prastaro, in linea con le indicazioni suggerite dalla Conferenza Episcopale Italiana, ha deciso di sospendere tutte le messe e le altre funzioni religiose (matrimoni, funerali, rosari...) fino al 3 aprile per garantire la sicurezza dei fedeli. Le chiese rimarranno comunque aperte per permettere ai fedeli di raccogliersi in preghiera, ricordando di mantenere sempre la distanza di un metro tra le persone.

Sospese anche tutte le attività degli oratori e il catechismo.

++++++++
CONFERENZA EPISCOPALE di PIEMONTE e VALLE D'AOSTA

Comunicato dell'8 marzo 2020

Visto il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM 8 marzo 2020) in materia di prevenzione del contagio da COVID-19, condividendo il Comunicato della Conferenza Episcopale Italiana (allegato al presente Comunicato), tutta la Conferenza Episcopale Piemontese, nel segno di una comune solidarietà con chi è più provato, stabilisce quanto segue:
CONFERMA
- tutti i divieti già precedentemente espressi, ovvero sospensione di ogni attività pastorale, riunione o altro, a carattere diocesano, zonale, parrocchiale con relativa chiusura degli oratori o luoghi parrocchiali a questo destinati;
- invita a lasciar aperte le chiese per la preghiera personale, mettendo a disposizione strumenti di preghiera. Si osservino le misure precauzionali già indicate.
DISPONE:
- a partire da lunedì 9 marzo siano sospese tutte le celebrazioni delle sante Messe, festive e feriali, le altre celebrazioni liturgiche, riunioni di preghiera e pii esercizi quaresimali. I funerali potranno essere svolti in forma privata con la preghiera di commiato fatta all'aperto, in cimitero;
- si sospenda la benedizione delle famiglie;
- si rimanga disponibili per ascoltare le confessioni, celebrando il sacramento fuori dal confessionale, tenendosi a debita distanza o con precauzione di idonea mascherina.
I Vescovi e i Sacerdoti ricevono con l'ordinazione la grazia e la missione dell'intercessione per il proprio popolo. Sono quindi invitati a celebrare personalmente, a mettere a disposizione strumenti e momenti con i nuovi mezzi della comunicazione per pregare e meditare.
Le comunità a noi affidate sappiano che la sospensione della preghiera comunitaria dell'Eucaristia è una grande privazione, possibile solo in un momento di grave pericolo per il bene di tutte le persone, in particolare degli anziani, mentre assicuriamo che preghiamo per loro e con loro.
Le presenti disposizioni entrano in vigore il 9 marzo 2020 e valgono fino a quando non venga disposto diversamente.

Torino, 8 marzo 2020
X Cesare Nosiglia, Presidente CEP
e tutti i Vescovi di Piemonte e Valle d'Aosta

Decreto "coronavirus": la posizione della CEI

La Chiesa che vive in Italia e, attraverso le Diocesi e le parrocchie si rende prossima a ogni uomo, condivide la comune preoccupazione, di fronte all'emergenza sanitaria che sta interessando il Paese.
Rispetto a tale situazione, la CEI - all'interno di un rapporto di confronto e di collaborazione - in queste settimane ha fatto proprie, rilanciandole, le misure attraverso le quali il Governo è impegnato a contrastare la diffusione del "coronavirus".
Il Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, entrato in vigore quest'oggi, sospende a livello preventivo, fino a venerdì 3 aprile, sull'intero territorio nazionale "le cerimonie civili e religiose, ivi comprese quelle funebri".
L'interpretazione fornita dal Governo include rigorosamente le Sante Messe e le esequie tra le "cerimonie religiose". Si tratta di un passaggio fortemente restrittivo, la cui accoglienza incontra sofferenze e difficoltà nei Pastori, nei sacerdoti e nei fedeli. L'accoglienza del Decreto è mediata unicamente dalla volontà di fare, anche in questo frangente, la propria parte per contribuire alla tutela della salute pubblica. Roma, 8 marzo 2020

AGGIORNATO IL
27/03/2020 21:20:00

L'INFORMAZIONE

RUBRICHE