L'ANTICA ERBORISTERIA MADRESELVA IN VIA ALIBERTI 31 AD ASTI E' APERTA CON IL CONSUETO ORARIO 9-12.30 15,30-19,30 TUTTI I GIORNI DAL LUNEDI' AL SABATO
Sabato, 28/03/2020
19:23

Direttore responsabile Franco Musso

ASSOCIAZIONE RADIO ASTI EUROPA P.IVA 01553610054

 

Home Page

 

 

 

CANTAMESSA ATMOSFERE PIEMONTESI

PROROGATA FINO AL 10 APRILE A PALAZZO LASCARIS

la mostra “Augusto Cantamessa. Atmosfere Piemontesi”

La mostra fotografica dell’autore torinese Augusto Cantamessa, allestita a Palazzo Lascaris (via Alfieri 15 a Torino), è stata prorogata fino a venerdì 10 aprile 2020.

Orario continuato dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 17, con ingresso gratuito. In ottemperanza alle norme di prevenzione sanitaria di questo periodo l’accesso alle sale espositive di Palazzo Lascaris è consentito fino a 5 persone per volta.

Dal 6 marzo ai visitatori verrà consegnata in omaggio una copia del catalogo della mostra.

L’esposizione fa parte delle iniziative promosse nell’ambito delle celebrazioni per il 50° anniversario dell’istituzione della Regione Piemonte ed è organizzata con l’associazione culturale In Arte, in collaborazione con Bruna Genovesio e Patrik Losano dell’Archivio Augusto Cantamessa.

La mostra presenta un nucleo di una trentina di immagini, esclusivamente in bianco e nero, realizzate dal fotografo piemontese Augusto Cantamessa (Torino 1927 – Bibiana 2018) tratte dall’immenso patrimonio fotografico dell’autore.

Inoltre sono esposti alcuni cataloghi delle mostre a cui Cantamessa ha partecipato in tutto il mondo in 70 anni di attività e la macchina fotografica che lo seguiva nei suoi spostamenti quotidiani.

Un video introduce i visitatori alla mostra: si tratta di una intervista della durata di circa 20 minuti realizzata nel 2017 da Federico Cramer, in occasione del novantesimo compleanno del fotografo. La selezione delle opere esposte rimanda ad alcune delle tematiche cardine della ricerca fotografica di Augusto Cantamessa: terra, paesaggi, ritratti.

La mostra restituisce immagini colme della bellezza del territorio che nel tempo muta e si trasforma insieme ai suoi abitanti. Tanti sguardi su innumerevoli paesaggi, sulle campagne e sui paesi della provincia e anche su Torino con le sue prestigiose piazze, i suoi quartieri caratteristici, le luci dei Luna park, i giochi dei bambini sulla neve e le zone periferiche avvolte dalla nebbia. Gli scatti di Cantamessa raccontano un universo di vita vissuta in Piemonte, dagli anni Cinquanta ad oggi, con una forte appartenenza ai luoghi, attraverso la rappresentazione del paesaggio, di intensi ritratti di contadini, donne e bambini, di operai alle prese con l’edilizia popolare ma anche di persone che passeggiano per le strade della città.

Nelle prime settimane di apertura della mostra è stato proposto sul profilo Instagram di @crpiemonte il concorso #indovinailportone. Un attento visitatore ha identificato il portone sconosciuto ritratto da Cantamessa nel 1995: è una delle porte laterali del Duomo di Torino, in piazza San Giovanni 4. Al vincitore è stato donato un biglietto per due persone per la mostra “Memoria e Passione. Da Capa a Ghirri. Capolavori della collezione Bertero” aperta a Camera – Centro Italiano per la Fotografia fino al 10 maggio 2020.

AGGIORNATO IL
27/03/2020 21:20:00

L'INFORMAZIONE

RUBRICHE