Mercoled?, 30/09/2020
21:17

Direttore responsabile Franco Musso

ASSOCIAZIONE RADIO ASTI EUROPA P.IVA 01553610054

 

Home Page

 

 

 



CHIUSURA UFFICIO PASS E PERMESSI ZTL/ZTM DAL 14 AL 22 SETTEMBRE 2020

I Servizi Demografici del Comune di Asti comunicano che è stata disposta la chiusura dell'ufficio Pass e Permessi ZTL/ZTM da lunedì 14 a martedì 22 settembre compreso.
Tale iniziativa si è resa necessaria poiché il personale dell'ufficio sarà impegnato a supporto dell'ufficio Elettorale comunale, in occasione delle consultazioni referendarie del 20 e 21 settembre 2020.
Da mercoledì 23 settembre l'ufficio accoglierà il pubblico con il consueto orario:
· al mattino, dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle 12,30
· al pomeriggio, di martedì e giovedì anche dalle ore 14,30 alle 16,30.
Per informazioni: tel. 0141/399397

Asti, 8 settembre 2020
+++++++


RIPARTENZA SCUOLA
IL COMUNE DI ASTI CONSEGNA 500 BANCHI ALLE SCUOLE CITTADINE

Il Ministero dell'Istruzione con nota autorizzativa del 13.7.20 n. AOODGEFID/20822 ha autorizzato il finanziamento tramite il P.O.N. "per la scuola, competenze e ambienti per l'apprendimento", sulla base della progettualità proposta dal Comune di Asti, di € 400.000 per lavori edilizi e acquisto di una parte degli arredi funzionali ad aprire in sicurezza nel mese di settembre le scuole.

Il Comune di Asti, in accordo con le Autonomie scolastiche della città, ha destinato circa 320.000 € alla sistemazione delle aule con interventi che l'assessore Morra ha concordato con i singoli istituti e circa 80.000 € per l'acquisto di arredi non previsti nella rilevazione del Ministero (arredi per le scuole dell'infanzia e lavagne) e di altri arredi, quali banchi e sedie, per le scuole primarie e secondarie di primo grado; forniture ritenute necessarie per garantire l'avvio dell'anno scolastico 2020/2021.
Con la giornata odierna, nell'attesa che vengano distribuiti i banchi annunciati dalla Ministra Azzolina, si conclude la consegna da parte del Comune di Asti di 500 banchi monoposto elevabili nelle scuole primarie e secondarie di primo grado della città.

Le scuole che hanno ricevuto i nuovi banchi sono 18: le primarie Dante, Oberdan, San Domenico Savio, Baracca, Cagni, Baussano, Cavour, Laiolo, Rio Crosio, Buonarroti, Gramsci, Pascoli, Anna Frank e Bottego e le secondarie di primo grado Jona, Goltieri, Brofferio e Martiri.

Altre consegne di arredi scolastici, quali sedie, lavagne e tavolini sono attualmente in corso e termineranno entro venerdì 11 settembre 2020. Si consegneranno infatti 415 tavolini per le scuole dell'infanzia oltre a 380 sedie e 40 lavagne.

Grazie ai fondi strutturali europei - Pon per la scuola competenza e ambienti per l'apprendimento 2014/2020 - è stato possibile dotare le scuole di queste nuove attrezzature, utili all'inizio delle attività scolastiche in sicurezza.

Il Sindaco Rasero e l'Assessore all'Istruzione Pietragalla commentano positivamente l'arrivo di questi nuovi arredi scolastici che assicurano il sostegno alle scuole per la ripartenza a settembre in sicurezza.

Asti, 9 settembre 2020
++++++++++++


VOTO A DOMICILIO PER ELETTORI AFFETTI DA INFERMITA' CHE NE RENDANO IMPOSSIBILE L'ALLONTANAMENTO DALL'ABITAZIONE IN OCCASIONE DEL REFERENDUM DEL 20 E 21 SETTEMBRE 2020.

Il Comune di Asti ricorda che in occasione delle consultazioni referendarie fissate per domenica 20 e lunedì 21 settembre 2020 verrà garantita la possibilità di esprimere il voto direttamente al proprio domicilio per quegli elettori affetti da gravissime infermità che ne rendano impossibile l'allontanamento dall'abitazione (D.L. n.1/2006 convertito dalla L. n.22/2006, modificato dalla L. n.46/2009) per raggiungere il seggio elettorale.
Oltre agli elettori affetti da gravi infermità che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali tali da impedirne l'uscita da casa, potranno votare a domicilio anche gli elettori gravemente infermi per i quali risulta impossibile raggiungere il seggio anche con l'aiuto dei mezzi di trasporto pubblico che il Comune organizzerà in occasione delle elezioni (art.29 della Legge n.104 del 5/2/1992).
Gli elettori interessati dovranno far pervenire al Sindaco (Ufficio Elettorale del Comune) un'apposita domanda attestante la volontà di esprimere il voto presso l'abitazione in cui dimorano entro lunedì 31 agosto 2020 (termine ordinatorio).
La domanda di ammissione al voto domiciliare dovrà contenere l'indirizzo dell'abitazione e, possibilmente, un recapito telefonico; dovrà inoltre essere corredata da copia della tessera elettorale e da idonea certificazione sanitaria rilasciata da un funzionario medico designato dagli organi dell'ASL AT (Medicina Legale).

Asti, 7 agosto 2020
++++++++++

Nelle scorse settimane il consorzio dell'Asti docg ha nominato il nuovo direttore Giacomo Pondini che aveva già diretto il consorzio del Brunello e quello del Morellino di Scansano.
Il Sindaco, nel complimentarsi per la sua recente nomina ed augurargli buon lavoro, conferma la disponibilità dell'Amministrazione a fare gioco di squadra per la promozione del territorio e dei suoi prodotti a partire proprio dall'Asti docg in modo da riconoscere Asti come un punto di riferimento nazionale per la viticultura, come sostenuto proprio dal dott. Pondini in una recente intervista.
Il Primo Cittadino ricorda tuttavia che Asti è esclusa dalla zona di produzione delle uve atte alla produzione dei vini DOGC "Asti" delimitata ai sensi art. 3 Disciplinare di Produzione dei Vini DOCG "Asti" approvato con Decreto del Ministero del 9 luglio 1967 e modificato con decreto ministeriale del 17 febbraio 2015 e che pertanto nel territorio urbano non si può produrre l'ASTI.
Sarà sicuramente più credibile la promozione di Asti come Capitale del Vino nel momento in cui anche al territorio urbano verrà consentito di produrre un vino, venduto in milioni di bottiglie in giro per il mondo, proprio con il nome della nostra amata ASTI.

Asti, 27 luglio 2020
++++++++

ABBANDONO RIFIUTI: DA GENNAIO 101 SANZIONI E 5 NOTIZIE DI REATO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ASTI
L'attività della Polizia Municipale di Asti contro l'abbandono di rifiuti non si ferma. Dal 1° gennaio 2020 sono state comminate:

- n. 96 sanzioni al regolamento gestione rifiuti riguardanti il deposito di sacchetti al suolo, errato conferimento di rifiuti, rifiuti non separati, ecc.;
- n. 1 sanzione relativa all'abbandono di un veicolo;
- n. 4 sanzioni per deposito incontrollato di rifiuti al suolo: trattasi di privati residenti al di fuori del Comune di Asti che hanno affidato lo smaltimento dei rifiuti a persone non abilitate alla raccolta le quali, invece di portarli all'Ecocentro, li hanno abbandonati su suolo comunale. La sanzione è di €600.
- n. 5 notizie di reato a carico di ignoti per deposito incontrollato di rifiuti al suolo. Tra questi si segnala anche un deposito di contenitori di liquidi oleosi immediatamente rimossi e messi in sicurezza con la collaborazione dell'ASP;

"Nonostante il periodo di lockdown non si è fermata la maleducazione di alcune persone verso l'ambiente e gli altri cittadini. Al tempo stesso anche l'attività della Polizia Municipale di Asti non si è fermata, sanzionando questi "sporcaccioni" e svolgendo complesse attività d'indagine come per le 4 sanzioni per deposito incontrollato di rifiuti al suolo. Chi commette questi comportamenti irrispettosi del buon vivere sappia che sarà perseguito con tutti i mezzi permessi dalla legge" commentano il Sindaco di Asti Maurizio Rasero e l'Assessore alla Polizia Municipale Marco Bona.


Asti, 24 luglio 2020
+++++++++

INSTALLAZIONE DELLE STAZIONI FILTRANTI - SPERIMENTALI - PER LA QUALITA' DELL'ARIA

Con la ripresa delle normali attività, dopo la situazione emergenziale sanitaria venutasi a creare per l'epidemia Covid-19, nella giornata di oggi si è proceduto all'installazione di tre apparecchiature per il filtraggio dell'aria nelle piazze Catena, Vittorio Veneto e De Andrè.
Le stazioni filtranti, della ditta System solutions, utilizzano una tecnologia che consente di depurare l'aria della zona loro circostante con una distanza di azione pari a 350 m e una superficie servita di circa 400.000 mq, per una quantità d'aria di circa 10mila mc/ora.
Grazie a questa tecnologia di filtraggio, la stazione aspira a ciclo continuo l'aria inquinata, trattiene le polveri sottili, gli inquinanti e gli odori e restituisce all'atmosfera aria pulita. Un sistema computerizzato consente di controllare da remoto e in tempo reale le funzioni della stazione. L'apparato di misurazione ambientale integrato nella stazione è in grado di analizzare, raccogliere e trasmettere dati sulla reale composizione delle polveri filtrate.
L'Amministrazione comunale ha stipulato con la ditta System solutions un accordo preliminare in base al quale la ditta ha fornito gratuitamente le tre stazioni filtranti per un primo periodo sperimentale di due mesi, al termine del quale verrà valutata la reale efficacia delle apparecchiature in termini di pulizia dell'aria.
La scelta dei tre siti su cui effettuare la sperimentazione è caduta su aree dove, oltre ad un'elevata intensità di traffico, si registrano anche consistenti flussi pedonali.
Qualora tale valutazione dia esito positivo, l'Amministrazione comunale promulgherà un apposito bando per individuare una o più ditte che si faranno carico della posa definitiva di una ventina circa di stazioni filtranti nelle principali piazze della città, a fronte dei proventi dei messaggi pubblicitari che potranno essere affissi su di esse.
L'intervento va nell'ottica di un miglioramento della qualità dell'aria e si inserisce nel più ampio piano finalizzato a ridurre i tassi di inquinamento in città, con un progressivo allargamento della ztl così come un sensibile sviluppo della rete di piste ciclabili. "Siamo sicuri - afferma il sindaco Rasero - che l'intervento vada nella direzione di creare una città più pulita, così come da tanti cittadini ci viene richiesto con sempre maggiore insistenza e che si colloca nei ragionamenti su una diversa mobilità che stiamo discutendo e condividendo con maggioranza e opposizione." Aggiunge l'Assessore Berzano: "chiediamo ai cittadini di farsi portatori di comportamenti positivi che vadano nella direzione di far sempre meno uso dell'auto, ricorrendo a sistemi di spostamento alternativi, principalmente con l'uso della bicicletta che si pone come mezzo di distanziamento "naturale" data l'emergenza in atto".

Asti, 16 giugno 2020
++++++++++


ISCRIZIONI ONLINE NIDI D'INFANZIA E TRASPORTO SCOLASTICO
COLLABORAZIONE COMUNE DI ASTI e CAF/CAAF

Il Comune di Asti ha avviato nelle scorse settimane le iscrizioni ai nidi comunali, al "trasporto scolastico con scuolabus" e al "trasporto scolastico collettivo speciale", attraverso le nuove procedure online.

Per la presentazione delle domande possono essere utilizzate le credenziali SPID, (Sistema Pubblico di Identità Digitale) che permettono di accedere a tutti i servizi online della Pubblica Amministrazione con un'unica Identità Digitale (username e password) o le credenziali che si ricevono dopo essersi accreditati sul portale del Comune di Asti utilizzando computer, tablet o smartphone al seguente link:
https://net.comune.asti.it/cmsasti/servizionline/cittadini/pratiche/istanzeonline.aspx

Chi non potesse provvedere da sé alla compilazione della domanda, potrà recarsi agli sportelli dei caf/caaf di Asti, convenzionati con il Comune di Asti/Settore Politiche sociali, Istruzione e Servizi Educativi, previo contatto telefonico, per avere un sostegno alla compilazione della domanda.

Si ricordano le scadenze:
- l'iscrizione ai nidi comunali è possibile fino al 30 maggio 2020; dopo tale data sarà ancora possibile presentare solamente le istanze di iscrizione e le stesse verranno inserite fuori graduatoria e resteranno in coda come fuori termine.
- iscrizione al "trasporto scolastico con scuolabus" ed al "trasporto scolastico collettivo speciale" è possibile fino al 26 giugno 2020.


Asti, 20 maggio 2020
+++++++++++++

PROROGATO IL TERMINE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE D'INDENNITÀ PER LA CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO TARTUFIGENO REGIONALE

Il Comune di Asti informa che la Regione Piemonte, con determinazione dirigenziale n. 189 del 12/05/2020 è stato prorogato al 31/07/2020 il termine per la presentazione presso gli uffici comunali delle domande di indennità per la conservazione del patrimonio tartufigeno regionale stabilito al punto 6 "Come aderire" dell'Avviso approvato con D.D. n. 4455 del 23 dicembre 2019. Il provvedimento è stato pubblicato il 12/05/2020 sul supplemento n. 7 al Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 19 del 07/05/2020, consultabile al sito:
http://www.regione.piemonte.it/governo/bollettino/abbonati/2020/19/attach/dda1610000189_10300.pdf
I relativi moduli delle domande di indennità sono scaricabili dal sito della Regione Piemonte: https://www.regione.piemonte.it/web/temi/ambiente-territorio/foreste/alberi-arboricoltura/avviso-concessione-indennita-per-conservazione-patrimonio-tartufigeno-regionale-0.
Si ricorda che la domanda presentata per la prima volta deve essere redatta secondo il modello
"Domanda iniziale di indennità per la conservazione del patrimonio tartufigeno" (allegato 1), che contiene la proposta di piano di coltura e conservazione.
Alla domanda devono essere allegati:
- l'estratto di mappa catastale, relativo alle particelle interessate;
- la fotocopia di un valido documento di identità del richiedente.
La domanda presentata per le annualità successive, sempre che non siano occorse variazioni relative al richiedente o al numero delle particelle catastali o al numero delle piante tartufigene interessate, dovrà essere redatta secondo il modello "Domanda di conferma dell'indennità annuale per la conservazione del patrimonio tartufigeno" (allegato 2) allegando la fotocopia di un valido documento di identità del richiedente.
Le domande dovranno essere trasmesse preferibilmente via pec al seguente indirizzo: protocollo.comuneasti@pec.it o consegnate all'Ufficio Protocollo situato in piazza San Secondo n. 1, previo accordo telefonico al n. 0141/399256.
Per informazioni: Paola Pozzebon - Settore Urbanistica - Sportello Agricoltura, tel. 0141-399530 - p.pozzebon@comune.asti.it.

Asti, 19 maggio 2020
++++++++++++++
ASSESSORATO ALLE PARI OPPORTUNITA'
MODIFICA STATUTO COMUNALE

Nella seduta del 14 Maggio 2020, Il Consiglio Comunale di Asti ha approvato all'unanimità le importanti e dovute modifiche allo Statuto Comunale in adeguamento alle vigenti disposizioni di cui alla Legge 215/2012 e alla Legge 56/2014 in materia di Pari Opportunità e di riequilibrio delle rappresentanze di genere negli organi degli Enti locali.
L'Assessora Comunale alle Pari Opportunità Elisa Pietragalla, che ha illustrato la relativa proposta di deliberazione in Consiglio Comunale, nel sottolineare come sia importante, incisivo e dirimente aver affermato nello Statuto Comunale l'obbligo di garantire pari opportunità per le donne e per gli uomini, nonché l'obbligo di garantire e di assicurare la presenza di entrambi i sessi nella Giunta Comunale e negli organi collegiali non elettivi del Comune e degli enti, aziende ed istituzioni da esso dipendenti secondo le vigenti disposizioni, ringrazia il Consiglio Comunale, la Commissione Comunale alle Pari Opportunità per il lavoro svolto, come dalla documentazione agli atti del Consiglio Comunale, e Giovanna Cristina Gado, componente della stessa Commissione, per la fondamentale azione di impulso ed il supporto tecnico-giuridico in merito.
Per la Presidente della Commissione Comunale alle Pari Opportunità, Nadia Miletto, si tratta di un importante adempimento comunale finalizzato a garantire la parità di genere a livello istituzionale che gratifica il lavoro svolto dalla Commissione Pari Opportunità e dalla dott.ssa Giovanna Cristina Gado. Il Sindaco Maurizio Rasero nel ringraziare tutti coloro che hanno contribuito alla stesura del nuovo statuto, esprime soddisfazione per il risultato ottenuto ribadendo che le Pari Opportunità rappresentano un principio giuridico a cui tutti noi dobbiamo attenerci. Asti, 15 maggio 2020

AGGIORNATO IL
30/09/2020 19:04:10

L'INFORMAZIONE

RUBRICHE