Lunedì, 10/12/2018
06:21

Direttore responsabile Franco Musso

ASSOCIAZIONE RADIO ASTI EUROPA P.IVA 01553610054

 

Home Page

 

 

 


Confartigianato Asti presente all'evento:
Infrastrutture per lo sviluppo. Tav, l'Italia in Europa

Il 3 dicembre alle OGR di Torino, Confartigianato Imprese unitamente alle altre Organizzazioni Imprenditoriali nazionali e regionali del Piemonte hanno organizzato l'evento "Infrastrutture per lo sviluppo. Tav, l'Italia in Europa" per richiedere al Governo un'effettiva politica di rilancio degli investimenti infrastrutturali, necessari al miglioramento della competitività delle imprese e dell'attrattività dei territori.
Per Il sistema Confartigianato Imprese erano presenti i vertici nazionali (il presidente Giorgio Merletti, il vice presidente vicario Marco Granelli, il vice presidente Domenico Massimino, i componenti di presidenza Mauro Franceschini e Giuseppe Mazzarella) e quelli del Piemonte (il presidente regionale Giorgio Felici, i presidenti Roberto Dellavalle, Luca Crosetto, Michele Giovanardi, Dino De Santis rispettivamente delle Associazioni di Asti, Cuneo, Piemonte Orientale, Torino).
Il sistema Confartigianato ha partecipato all'evento con una delegazione di oltre 150 Dirigenti ed Associati imprenditori artigiani.
Al termine dei lavori i presidenti nazionali delle organizzazioni delle imprese italiane hanno firmato un manifesto in cui dicono sì alla Tav, al rilancio degli investimenti infrastrutturali e alle grandi opere strategiche per l'Europa.
Il Presidente Nazionale Confartigianato Giorgio Merletti evidenzia: "Il 61% dei prodotto viaggia su strada e ferrovia. Porti, ferrovie, centri intermodali, le infrastrutture servono nel discorso delle grandi nuove opere e della conservazione dell'esistente c'è spazio per gli artigiani, occorre una pianificazione urbanistica e trasportistica per l'Italia, inoltre bisogna incrementare la manutenzione; Quindi la Tav è solo uno spunto per aprire un discorso più ampio sulle infrastrutture".
Il Presidente Confartigianato Asti Roberto Dellavalle aggiunge: "Rimettere in discussione oggi la Torino - Lione nel rispetto delle singole valutazioni e posizioni, non può più essere non affrontato, nascondendoci dietro l'analisi costi - benefici: per le imprese e per i suoi occupati, se vogliamo tornare ad essere competitivi non possiamo permetterci che non si tenga conto di tutto quello che realmente è capace di rafforzare il territorio da un punto di vista economico così come non ci possiamo dimenticare che i maggiori partner per import ed export sono situati proprio in Europa e i mercati in espansione sono situati al di là dell'Europa".

AGGIORNATO IL
09/12/2018 21:53:43

L'INFORMAZIONE

RUBRICHE