Lunedì, 23/04/2018
13:22

Direttore responsabile Franco Musso

ASSOCIAZIONE RADIO ASTI EUROPA P.IVA 01553610054

 

Home Page

 

 

 

INPS

Ultima rilevazione presentate 1.736 domande di Ape volontario
Sono 1.736 le domande di anticipo finanziario a garanzia pensionistica (Ape volontario) presentate attraverso il servizio on-line disponibile sul sito dell’Istituto. Su 1.736 domande, 1.242 hanno richiesto i ratei arretrati.
La domanda di accesso all’APE volontario comprende la proposta del contratto di finanziamento, la proposta di contratto di assicurazione contro il rischio di premorienza, l’istanza di accesso al fondo di garanzia, nonché la domanda di pensione di vecchiaia. Nella domanda il richiedente deve indicare sia l’istituto finanziatore cui richiedere il prestito, sia l’impresa assicurativa cui richiedere la copertura del rischio di premorienza.
Per l’invio della domanda di accesso è richiesto l’utilizzo dell’identità digitale SPID almeno di secondo livello.
Si ricorda che coloro che hanno maturato i requisiti di accesso all’APE volontario nel periodo compreso tra il 1° maggio e il 18 ottobre 2017, al fine di ottenere l’anticipo finanziario comprensivo dei ratei arretrati maturati, devono presentare la domanda di accesso entro il 18 aprile 2018.
In seguito a tale data, i soggetti in possesso della certificazione del diritto e dei requisiti previsti dalla disciplina normativa potranno comunque presentare la domanda di accesso all’Ape volontario, con decorrenza dell’anticipo finanziario dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della relativa domanda.
Si ricorda, inoltre, che l’Istituto dal 13 febbraio ha reso disponibile sul sito istituzionale un simulatore che consente di calcolare, in via indicativa, l’importo dell’anticipo finanziario a garanzia pensionistica e la rata di rimborso, mediante l’inserimento di dati ed informazioni da parte dell’interessato. Ad oggi risultano effettuate circa 216mila simulazioni.
Risultano, invece, accolte 11.249 domande di certificazione del diritto.
Torino, 18 aprile 2018


Campagna di comunicazione previdenziale INPS per le Università. Il 17 aprile l’INPS Piemonte sarà a Novara all’Università del Piemonte Orientale.
Per il 2018, nel contesto degli eventi per la ricorrenza del 120° anno di istituzione dell’INPS, la Direzione Regionale del Piemonte sta realizzando una Campagna di comunicazione previdenziale rivolta ai giovani universitari sul tema della previdenza e del risparmio e promuovendo il patrimonio culturale dell’archivio storico dell’INPS mettendolo a disposizione per studi e ricerche universitarie.
Con questi interventi informativi si vuole promuovere un rapporto virtuoso con i contribuenti, informando i giovani universitari/laureandi che si avvicinano al mondo del lavoro sulle regole di funzionamento del sistema previdenziale italiano e far loro conoscere tutti gli strumenti messi a loro disposizione.
Il 17 aprile la Direzione Regionale INPS Piemonte, in collaborazione con l’Università degli Studi del Piemonte Orientale, sarà presente con un truck in Via Perrone 18 a Novara, un vero e proprio Ufficio Mobile, a disposizione per la risoluzione di problematiche previdenziali e contributive e per rispondere ad ogni altra esigenza informativa degli studenti e dei dipendenti dell’Università del Piemonte Orientale.
Gli interessati potranno accedere al truck dalle ore 9.30 alle ore 16.30 e riceveranno, da parte di funzionari esperti, ogni tipo di informazione utile per un futuro previdenziale consapevole.
Torino, 11 marzo 2018

Cumulo Inps-Casse professionali: raggiunta l’intesa fra INPS e le prime Casse professionali per sbloccare i pagamenti delle pensioni in cumulo
L’Inps, al fine di evitare penalizzazioni per i lavoratori mobili in ambito pensionistico, nel corso dell’ultimo anno si è molto impegnato sia per trovare un’interpretazione capace di sbloccare l’attuazione della legge sul cumulo, sia per trovare un punto d’incontro con le Casse professionali private al fine di dare attuazione alla legge.
Il 28 marzo 2018, l’Inps e le casse professionali Inarcassa ed Enpam hanno raggiunto l’accordo su un nuovo testo di convenzione, che è stato già sottoscritto. In linea col testo proposto la scorsa settimana alle Casse dall'Inps, gli oneri sostenuti per le procedure amministrativo-contabili necessarie per l’erogazione delle prestazioni saranno divisi in base alla quota di pensione erogata da ciascun ente. In particolare, il testo rimette a una commissione di esperti, designati pariteticamente dalle parti ed integrati con un componente indicato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ed uno indicato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, la determinazione dell’importo da ripartire, fermo restando l'immediato rimborso analitico delle commissioni bancarie sostenute. L’Inps si attende che nelle prossime ore possano pervenire le sottoscrizioni anche da parte delle altre Casse Professionali.
Il nuovo testo di convenzione sottoscritto permette da subito di sbloccare le lavorazioni delle domande già pervenute per procedere ai pagamenti delle pensioni in cumulo, mentre le parti potranno risolvere il problema della spartizione degli oneri amministrativi in un secondo momento, senza che ciò abbia ulteriori ripercussioni sui professionisti coinvolti. Le prime liquidazioni sono previste entro Pasqua e i relativi pagamenti a partire dal 20 aprile.
Torino, 29 marzo 2018


Disoccupazione agricola Inps:
31 marzo ultimo giorno utile per la domanda
Scade sabato 31 marzo l’ultimo giorno utile per la presentazione delle domande di disoccupazione agricola all’Inps.
Per ottenere l’indennità di disoccupazione agricola, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario che il lavoratore agricolo presenti la domanda online all’Inps entro il 31 marzo.
Il termine è perentorio, e viene posticipato solo se coincide con una domenica o con un giorno festivo. Quest’anno il 31 marzo cade di sabato, giorno considerato non festivo e quindi utile per la presentazione delle domande. Non sono previste, pertanto, ulteriori proroghe e non saranno ritenute valide le domande di indennità di disoccupazione agricola presentate in data successiva al 31 marzo 2018.
Si ricorda che le domande possono essere trasmesse all’Inps mediante i servizi telematici accessibili, attraverso il portale dell’Inps, direttamente dal cittadino dotato di SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) di livello 2, PIN dispositivo o CNS (Carta Nazionale dei Servizi) oppure tramite gli enti di patronato, o tramite il Contact Center multicanale(chiamando da rete fissa il numero 803164 oppure il numero 06 164164 da rete mobile, a pagamento secondo il piano tariffario del proprio gestore). Torino, 26 marzo 2018

AGGIORNATO IL
23/04/2018 09:12:55

L'INFORMAZIONE

RUBRICHE