Giovedì, 19/04/2018
15:33

Direttore responsabile Franco Musso

ASSOCIAZIONE RADIO ASTI EUROPA P.IVA 01553610054

 

Home Page

 

 

 


ANAS, UN DOCUMENTARIO RAI RACCONTA NOVANT’ANNI DI STORIA

il lungometraggio dal titolo “Strade – 90 anni di storia italiana” è stato presentato oggi in anteprima presso la Casa del Cinema a Roma
il documentario racconta il percorso di Anas dalla sua fondazione come A.A.S.S. nel 1928 fino ad oggi con l’ingresso nel Gruppo Ferrovie dello Stato
andrà in onda su Rai Storia il 27 marzo e su Raitre il 31 marzo

Roma, 20 marzo 2018

È stato presentato questa mattina in anteprima a Roma dal presidente di Anas Ennio Cascetta, presso la Casa del Cinema, il documentario dal titolo “Strade – 90 anni di storia italiana” realizzato da Rai Cultura in collaborazione con Anas (Gruppo FS Italiane). Insieme al presidente di Rai Com, Roberto Nepote, e al vicedirettore responsabile di Rai Storia, Giuseppe Giannotti, erano presenti all’anteprima anche la regista Sabrina Salvatorelli, gli autori Gianluca Miligi e Marco Orlanducci e il produttore esecutivo Alessandra Giorgi.

Il documentario racconta il percorso di Anas dal momento in cui fu fondata come A.A.S.S. nel 1928 fino all’ingresso nel Gruppo Ferrovie dello Stato nel gennaio 2018. Sullo sfondo la storia italiana e i suoi cambiamenti. La struttura filmica del documentario, che andrà in onda martedì 27 marzo su Rai Storia alle ore 22:10 e sabato 31 marzo su Raitre alle ore 15:00, si basa su materiali d’archivio di Anas, della Rai e dell’Istituto Luce. L’obiettivo del lungometraggio è quello di intrecciare le tappe più significative della storia di Anas con gli avvenimenti più importanti che hanno segnato lo sviluppo dell’Italia. Attraverso filmati dell’epoca e interviste si ripercorre il grande impegno dell’azienda delle strade nel contribuire alla costruzione prima, e al potenziamento poi, degli assi strategici del Paese.

Basti pensare che nel 1928, in piena epoca fascista, la neonata A.A.S.S. ebbe il compito di “depolverizzare” le principali arterie stradali in un momento in cui la circolazione avveniva per lo più a bordo di veicoli a trazione animale. Nel 1946 la A.A.S.S. fu soppressa per far posto all’Anas, a cui fu affidato il compito di ricostruire tutte le strade e i ponti bombardati e distrutti durante il secondo conflitto mondiale.

Poi ci furono gli anni del boom economico che coincisero con la costruzione del Grande Raccordo Anulare voluto dall’allora direttore di Anas Eugenio Gra, che creerà un acronimo per dare il suo nome all’anello della Capitale che diventerà la strada più trafficata d’Italia (oggi ha picchi di traffico di oltre 166.000 veicoli al giorno). Ma non solo. In quegli stessi anni nacque il progetto della A3 “Salerno Reggio Calabria”, costruita fra il 1964 e il 1974, all’interno di tre regioni morfologicamente complesse come la Campania, la Basilicata e soprattutto la Calabria. L’infrastruttura, che deve molto all’ingegner Giuseppe Scaramuzzi all’epoca responsabile dei lavori, è considerata un’opera ingegneristica di elevata complessità.

Nel documentario, che deve molto anche al contributo di storici e specialisti del settore, come i professori Stefano Maggi dell’Università di Siena e Leandra D’Antone dell’Università di Roma “La Sapienza”, si alternano più voci: la storia dell’azienda, infatti, è raccontata attraverso i ricordi dei cantonieri di ieri e di oggi e attraverso le testimonianze del presidente Ennio Cascetta e dell’amministratore delegato Gianni Vittorio Armani.

“Crediamo – ha detto il presidente di Anas, Ennio Cascetta - che per guardare al futuro della nostra Azienda, ai prossimi 90 anni, non basti la programmazione dei nuovi investimenti o farci trovare pronti alla sfida delle nuove tecnologie. Per essere proiettati verso il futuro serve anche la consapevolezza del passato, la memoria delle cose fatte e del ruolo che si è avuto nella crescita del nostro Paese. Questo non solo come un lascito per le nuove generazioni, ma soprattutto per dire ‘grazie’ a tutti coloro che prima di noi hanno lavorato per far crescere l’Anas e la nostra Italia”.

Anas è la società del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane che si occupa di infrastrutture stradali. Da quasi un secolo costruisce le strade che connettono ogni località del Paese, le gestisce e le mantiene efficienti nel corso del tempo. La società è protagonista nel mondo della progettazione, della costruzione e della manutenzione stradale e tra i leader riconosciuti a livello internazionale. Gestisce la rete viaria di interesse nazionale, con oltre 26mila km di strade statali, autostrade e raccordi autostradali. Le 1.800 gallerie di Anas rappresentano la metà delle gallerie presenti sull’intero panorama europeo. Grazie alla sala situazioni nazionale, alle 21 sale operative compartimentali e a una flotta di oltre mille veicoli dotati di localizzatori satellitari e di telecamere, monitora costantemente l’intera infrastruttura stradale del Paese. Il piano investimenti prevede nel quinquennio interventi per circa 33 miliardi di euro su tutto il territorio nazionale. L’azienda conta circa 6mila dipendenti nelle 38 sedi territoriali ed è presente all’estero attraverso la controllata Anas International Enterprise.
+++++++++++++++++

ANAS COMPIE 90 ANNI: UNA MOSTRA E UN LIBRO PER RICORDARE LA STRADA

si inaugura oggi la Mostra Mi ricordo la strada curata da Emilia Giorgi e Antonio Ottomanelli. L’installazione sarà esposta negli spazi del Salone Centrale della Triennale di Milano fino al 18 marzo
presentato il volume La strada racconta realizzato dall’Agenzia ANSA, che ripercorre, attraverso immagini uniche, gli eventi più significativi degli ultimi Novant’anni che hanno visto come protagonista la strada
Milano, 8 marzo 2018

Novant’anni di strada. Un percorso che ha segnato le tappe più importanti dello sviluppo del Paese, unendone gli assi. Raccontare oggi la storia di Anas (Gruppo FS Italiane) significa ripercorrere la storia di tutti gli italiani. Nascono con questo obiettivo la Mostra Mi ricordo la strada, curata da Emilia Giorgi e Antonio Ottomanelli, e il libro fotografico La strada racconta realizzato dall’Agenzia ANSA presentati oggi alla Triennale di Milano.

La Mostra: Mi ricordo La strada

Inaugurata oggi, la Mostra Mi ricordo la strada, curata da Emilia Giorgi e Antonio Ottomanelli, sarà esposta negli spazi del Salone Centrale della Triennale di Milano fino al 18 marzo. L’installazione site specific racconta quasi un secolo di storia italiana attraverso le immagini di 10 grandi eventi che hanno mosso milioni di persone, utilizzando la strada sia come mezzo sia come metafora. Il progetto vuole raggiungere e muovere la memoria collettiva intorno all’idea archetipica della strada e rappresenta l’evento di punta del programma proposto da Anas per festeggiare il suo novantesimo compleanno. Lo spettatore potrà rivivere, attraverso le più belle immagini provenienti da tredici archivi diversi, eventi eclatanti e di rottura, come lo sbarco degli alleati in Sicilia nel 1943 o l’alluvione di Firenze nel 1966, per arrivare all’ultimo Angelus di Papa Benedetto XVI e alla ricostruzione della Basilica di Siponto di Edoardo Tresoldi.

L’installazione, dopo la presentazione alla Triennale, sarà riadattata e trasportata a bordo di un truck di ultima generazione Scania per essere esposta nelle principali città italiane: l’obiettivo è quello di ‘congiungere’ la strada con altri mondi come quello della cultura, dell’architettura, dell’arte, dell’economia. Il roadshow di Anas intitolato “Congiunzioni”, e realizzato insieme alla Polizia di Stato in partnership con Scania e Radio Italia, infatti, partirà il 20 aprile da Trieste e proseguirà per Reggio Emilia, Assisi, Olbia, Salerno, Reggio Calabria, per arrivare il 16 maggio a Catania, dove si celebrerà la chiusura del tour con una due giorni dedicata al futuro e all’innovazione.

Il libro fotografico ANSA La strada racconta

Il volume realizzato dall’agenzia di informazione ANSA, dal titolo “La strada racconta”, ripercorre attraverso una moltitudine di immagini uniche, tratte sia dal vasto archivio fotografico ANSA (un patrimonio di oltre 19 milioni di foto che, dagli anni ’40 ad oggi, hanno documentato i più importanti avvenimenti nazionali e internazionali) sia da quello storico di Anas, gli eventi più significativi degli ultimi Novant’anni. Un viaggio che testimonia come la strada sia stata e continui ad essere scenario e protagonista della storia italiana: sulle strade sono fuggite le truppe naziste dopo l’avanzata degli Alleati e le strade sono state teatro delle imprese epiche di Coppi e Bartali e delle MilleMiglia, ma anche testimoni del tragico attentato a Giovanni Falcone, dell’omicidio del magistrato Rosario Livatino. La strada racconta, insomma, la storia d’Italia e di tutti gli italiani.

“Il vasto calendario di eventi in programma per il 90esimo anniversario di Anas – afferma il presidente Ennio Cascetta – rappresenta un’occasione preziosa per celebrare il ruolo fondamentale che Anas ha avuto nella modernizzazione del Paese, influenzandone lo sviluppo economico e culturale, a partire dalla data di fondazione dell’AASS nel maggio del 1928 fino all’ingresso nel Gruppo FS Italiane a gennaio del 2018, che è solo l’ultimo dei passi compiuti nel processo di continua trasformazione di un’Azienda che non si è mai fermata”.

“Anas – sottolinea l’Amministratore Delegato Gianni Vittorio Armani – è oggi un’azienda rinnovata, che da tre anni a questa parte ha fatto del cambiamento la propria bussola. Un’azienda che ha attraversato nove decenni di storia nazionale e che, con uno sguardo al passato lavora per cambiare il presente e costruire il futuro. Per la prima volta dal Dopoguerra, Anas ha un volume di investimenti già interamente finanziati e, con l’ingresso nel Gruppo FS Italiane, un nuovo assetto industriale capace di accrescere gli standard di qualità, efficienza e sicurezza della rete stradale nazionale”.

Nata nel 1928 con il nome di AASS (Azienda Autonoma delle Strade Statali), ha avviato la trasformazione delle strade del primo Novecento, piene di polvere d’estate e fangose d’inverno, in una rete viaria con pavimentazioni permanenti, tracciati più sicuri e segnaletica stradale, che a mano a mano è diventata la moderna ed efficiente rete stradale nazionale.

Anas compirà novant’anni il 17 maggio 2018: le celebrazioni hanno preso il via il 22 gennaio scorso quando una delegazione composta, tra gli altri, da Gioia Ghezzi e Renato Mazzoncini, Presidente e Amministratore delegato Gruppo FS Italiane, e Gianni Vittorio Armani, Amministratore delegato Anas ha incontrato al Quirinale il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. L’incontro al Colle ha segnato l’avvio di un ampio programma di iniziative nell’ambito di una campagna di comunicazione istituzionale che ha come claim “Da 90 anni uniamo l’Italia” e l’obiettivo di raccontare la storia di Anas e la nuova mission dell’azienda all’interno del Gruppo FS Italiane.

Anas è la società del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane che si occupa di infrastrutture stradali. Da quasi un secolo costruisce le strade che connettono ogni località del Paese, le gestisce e le mantiene efficienti nel corso del tempo. La società è protagonista nel mondo della progettazione, della costruzione e della manutenzione stradale e tra i leader riconosciuti a livello internazionale. Gestisce la rete viaria di interesse nazionale, con oltre 26mila km di strade statali, autostrade e raccordi autostradali. Le 1.800 gallerie di Anas rappresentano la metà delle gallerie presenti sull’intero panorama europeo. Grazie alla sala situazioni nazionale, alle 21 sale operative compartimentali e a una flotta di oltre mille veicoli dotati di localizzatori satellitari e di telecamere, monitora costantemente l’intera infrastruttura stradale del Paese. Il piano investimenti prevede nel quinquennio interventi per circa 33 miliardi di euro su tutto il territorio nazionale. L’azienda conta circa 6mila dipendenti nelle 38 sedi territoriali ed è presente all’estero attraverso la controllata Anas International Enterprise.


++++++++++

PIEMONTE, ANAS: PER LAVORI, SENSO UNICO ALTERNATO SULLA STATALE 337 “DELLA VALLE VIGEZZO” NEI TERRITORI COMUNALI DI SANTA MARIA MAGGIORE, CRAVEGGIA, MALESCO E RE (PROVINCIA DEL VERBANO-CUSIO-OSSOLA)

Torino, 26 febbraio 2018

Anas comunica che, per consentire i lavori di posa di materiale elettrico, sulla strada statale 337 “della Valle Vigezzo” sarà istituito un senso unico alternato regolamentato da impianto semaforico e/o movieri, dal giorno 28 febbraio al giorno 31 marzo 2018, nella tratta compresa tra il km 14,520 e il km 23,153, per una lunghezza massima non superiore a 50 metri, nell’ambito dei territori comunali di Santa Maria Maggiore, Craveggia, Malesco e Re, nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola.

I lavori saranno svolti nella sola fascia oraria giornaliera compresa fra le ore 8,30 e le ore 17,00, con esclusione dei giorni festivi e prefestivi.

Anas specifica che, nel caso in cui si verificasse la formazione di code in corrispondenza del cantiere, la viabilità sarà gestita tramite movieri.

Anas, società del Gruppo FS Italiane, raccomanda prudenza nella guida e ricorda che l`evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile anche su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all`applicazione “VAI” di Anas, disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”. Inoltre si ricorda che il servizio clienti "Pronto Anas" è raggiungibile chiamando il numero verde gratuito, 800.841.148.
++++++++++


PIEMONTE, ANAS: PER LAVORI, SENSO UNICO ALTERNATO TRA I COMUNI DI GRAVELLONA TOCE E VERBANIA, NELLA PROVINCIA DEL VERBANO-CUSIO-OSSOLA


Torino, 15 febbraio 2018

Anas comunica che, per consentire l’intervento di installazione delle protezioni sul versante, dal 19 febbraio al 23 marzo 2018 sulla strada statale 34 “del Lago Maggiore” sarà istituito un senso unico alternato regolamentato da impianto semaforico o movieri, in corrispondenza del km 3,800, tra i comuni di Gravellona Toce e Verbania, nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola.

Anas, società del Gruppo FS Italiane, raccomanda prudenza nella guida e ricorda che l`evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile anche su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all`applicazione “VAI” di Anas, disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”. Inoltre si ricorda che il servizio clienti "Pronto Anas" è raggiungibile chiamando il numero verde gratuito, 800.841.148.
+++++++++++

PIEMONTE, ANAS: PER LAVORI, SENSI UNICI ALTERNATI SULLA STATALE 34 “DEL LAGO MAGGIORE” NEL COMUNE DI GHIFFA (PROVINCIA DEL VERBANO-CUSIO-OSSOLA)


Torino, 12 febbraio 2018

Anas comunica che, per consentire i lavori di taglio piante e pulizia del versante, sulla strada statale 34 “del Lago Maggiore” sarà istituito un senso unico alternato regolamentato da impianto semaforico o movieri, dal giorno 15 febbraio al giorno 22 febbraio 2018, nelle tratte comprese tra il km 19,480 e il km 19,630 e tra il km 20,047 e il km 20,115, nel territorio comunale di Ghiffa, nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola.

Gli interventi previsti saranno condotti nella sola fascia oraria giornaliera compresa fra le ore 8,30 e le ore 16,30, con esclusione dei giorni festivi.

Anas, società del Gruppo FS Italiane, raccomanda prudenza nella guida e ricorda che l`evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile anche su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all`applicazione “VAI” di Anas, disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”. Inoltre si ricorda che il servizio clienti "Pronto Anas" è raggiungibile chiamando il numero verde gratuito, 800.841.148.
++++++++++++

PIEMONTE, ANAS: PER LAVORI, CHIUSA LA CARREGGIATA NORD SULLA STATALE 33 “DEL SEMPIONE” NELLA PROVINCIA DEL VERBANO-CUSIO-OSSOLA

Torino, 9 febbraio 2018

Anas comunica che, per consentire gli interventi di sostituzione delle barriere laterali, nella sola giornata del 9 febbraio 2018, nella fascia oraria compresa fra le ore 8,30 e le ore 17,30, sarà chiusa al traffico la carreggiata nord sulla strada statale 33 “del Sempione”, dal km 119,800 al km 120,000, nella provincia del Verbano Cusio Ossola.

Durante le ore di chiusura la viabilità sarà deviata in uscita allo svincolo di Domodossola Sud, al km 119,800, con indirizzamento sulla strada provinciale 116 e successivo rientro allo svincolo di Domodossola Centro, al km 122,000.

Anas, società del Gruppo FS Italiane, raccomanda prudenza nella guida e ricorda che l`evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile anche su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all`applicazione “VAI” di Anas, disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”. Inoltre si ricorda che il servizio clienti "Pronto Anas" è raggiungibile chiamando il numero verde gratuito, 800.841.148.
++++++++++

PIEMONTE, ANAS: IN FASE DI COMPLETAMENTO LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA DELLA VARIANTE DI DEMONTE, SULLA STRADA STATALE 21“DEL COLLE DELLA MADDALENA”, IN PROVINCIA DI CUNEO

Incontro tra Anas e Regione Piemonte per illustrare il nuovo collegamento viario
Torino, 6 febbraio 2018

Si è svolto, presso la sede comunale di Demonte, in provincia di Cuneo, un incontro tra il Responsabile Coordinamento Progettazione della Direzione Progettazione e Realizzazione Lavori di Anas, Vincenzo Marzi, l’Assessore regionale ai trasporti e alle infrastrutture, Francesco Balocco, e l’Amministrazione Comunale di Demonte, sindaco Laura Margherita Porracchia, per discutere e analizzare le fasi di progettazione definitiva del nuovo collegamento della Variante di Demonte della Strada Statale 21 “del Colle della Maddalena”.

Il progetto evidenzia un forte snellimento del traffico rispetto a quello attuale sulla statale 21, riducendo la congestione nell’attraversamento urbano di Demonte e migliorando i livelli di servizio e di sicurezza della circolazione.

Dopo aver condotto studi e indagini di maggior dettaglio ed esaminato le esigenze dagli Enti territoriali, Anas ha in corso di completamento la redazione della progettazione definitiva e lo studio di impatto ambientale.

Il progetto definitivo prevede la realizzazione di un tratto della lunghezza di circa 2,72 km in categoria C extraurbana secondaria (una corsia per senso di marcia), con 2 rotatorie a monte e valle dell’abitato, due viadotti, “Cant” di 138 metri e “Perdioni” di circa 324 metri, e la galleria “Demonte” di 638 metri.

L’importo complessivo dei lavori è stimato in 50,11 milioni di euro, finanziati dal Contratto di Programma 2014 per 0,35 milioni e per la restante parte di 49,76 milioni dal Contratto di Programma MIT-Anas 2016–2020.

L’opera sarà appaltata nell’anno in corso. Il completamento della progettazione definitiva e l’avvio delle procedure approvative sono previsti entro la fine del corrente mese.
++++++++++


PIEMONTE, ANAS: CHIUSE PER LAVORI LE RAMPE DI SVINCOLO DELLA SOPRAELEVATA DI ALBA SULLA STATALE 231 “DI SANTA VITTORIA”, IN PROVINCIA DI CUNEO

Torino, 24 gennaio 2018

Anas comunica che, per consentire i lavori di manutenzione straordinaria della torre faro prossima alla sede stradale, saranno chiuse, lungo la strada statale 231 “di Santa Vittoria”, le rampe di svincolo della sopraelevata di Alba in direzione Bra e di immissione da Bra in direzione Barolo, dalle ore 21 di lunedì 29 gennaio e fino alle ore 7 di martedì 30 gennaio 2018.

Anas, società del Gruppo FS Italiane, raccomanda prudenza nella guida e ricorda che l`evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile anche su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all`applicazione “VAI” di Anas, disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”. Inoltre si ricorda che il servizio clienti "Pronto Anas" è raggiungibile chiamando il numero verde gratuito, 800.841.148.
++++++++++++++++++


PIEMONTE, ANAS: A CAUSA DI UNA VALANGA, CHIUSA AL TRAFFICO LA STATALE 659 “DI VALLE ANTIGORIO E FORMAZZA”, NELCOMUNE DI PREMIA NELLA PROVINCIA DI VERBANO-CUSIO-OSSOLA

Torino, 23 gennaio 2018

Anas comunica che, a causa di una valanga di neve verificatasi nel corso della notte, la strada statale SS659 “di Valle Antigorio e Formazza” è chiusa al transito, in entrambe le direzioni di marcia, al km 25,800, nel comune di Premia nella Provincia del Verbano-Cusio-Ossola.

Sul posto sono intervenute le squadre Anas e le Forze dell’ordine per i primi interventi di rimozione della neve dalla sede stradale e per la gestione della viabilità.


La riapertura del tratto stradale sarà decisa a seguito del sopralluogo e ulteriori verifiche tecniche della Commissione Locale Valanghe – Unione Montana Alta Ossola – Comune di Formazza.

Anas raccomanda prudenza nella guida e ricorda che l`evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile anche su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all`applicazione “VAI” di Anas, disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”. Inoltre si ricorda che il servizio clienti "Pronto Anas" è raggiungibile chiamando il numero verde gratuito, 800.841.148.
++++++++

Piemonte, Anas: tratto chiuso sulla SS21 “della Maddalena” a causa di una bufera di neve fra Argentera e il confine di Stato (provincia di Cuneo)

Anas comunica che sulla strada statale 21 “della Maddalena” è chiuso, in entrambe le direzioni, il tratto fra il km 51,000 e il 59,700, fra Argentera e il confine di Stato, in provincia di Cuneo, a causa di una bufera di neve.

Sul posto sono presenti il personale di Anas con i mezzi spazzaneve per ripristinare al più presto la normale circolazione.

Anas raccomanda prudenza nella guida e ricorda che l`evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile sul sito web www.stradeanas.it oppure su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all`applicazione “VAI” di Anas, disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”. Inoltre si ricorda che il servizio clienti "Pronto Anas" è raggiungibile chiamando il nuovo numero verde gratuito, 800 841 148.

Torino, 17 gennaio 2018
++++++++++

Piemonte, Anas: chiusa precauzionalmente per neve la SS659 “di Valle Antigorio e Valformazza” nel comune di Formazza


Chiusura da oggi e fino a cessate esigenze nella fascia oraria 12.00-16.00

Anas comunica che la strada statale SS659 “di Valle Antigorio e Valformazza” è chiusa al transito in via precauzionale, in entrambe le direzioni di marcia, tra il km 36,200, località Canza, e il km 41,700, nel territorio comunale di Formazza, a partire da oggi e fino a cessate esigenze, nella fascia oraria compresa tra le ore 12.00 e le ore 16.00 di ogni giorno.

Non sono presenti percorsi alternativi.

La chiusura precauzionale è stata decisa ad esito del sopralluogo in data odierna di Commissione Locale Valanghe – Unione Montana Alta Ossola – Comune di Formazza, per le condizioni meteorologiche avverse.

Anas raccomanda prudenza nella guida e ricorda che l`evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile anche su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all`applicazione “VAI” di Anas, disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”. Inoltre si ricorda che il servizio clienti "Pronto Anas" è raggiungibile chiamando il numero verde gratuito, 800.841.148.

Torino, 13 gennaio 2018


Piemonte, Anas: da martedì 9 gennaio lavori sulla strada statale 32 “Ticinese”, in provincia di Novara

Anas comunica che dal 9 al 19 gennaio 2018 (fascia oraria 7:00/18:00) saranno presenti lavori sulla strada statale 32 “Ticinese”, nel territorio comunale di Castelletto Sopra Ticino, in provincia di Novara.

Nel dettaglio sarà istituito il senso unico alternato tra il km 32,200 e il km 32,300 per ripristino dei giunti nel tratto stradale.

Anas raccomanda prudenza nella guida e ricorda che l`evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile sul sito web www.stradeanas.it oppure su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all`applicazione “VAI” di Anas, disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”. Inoltre si ricorda che il servizio clienti "Pronto Anas" è raggiungibile chiamando il numero verde, gratuito, 800 841 148.

Torino, 5 gennaio 2018




Anas, 2017: pubblicate gare per 2,5 miliardi, aggiudicate per 2,3 miliardi

Rush di fine anno con lancio di oltre 50 gare per oltre un miliardo di euro grazie all’approvazione Contratto di Programma

Armani: “Significativa iniezione di risorse per il mercato delle infrastrutture”


Anas, con la recente approvazione del Contratto di Programma, nel mese di dicembre ha pubblicato 51 bandi per oltre 150 lotti e un importo superiore a un miliardo di euro, chiudendo così il 2017 con un valore complessivo di gare lanciate pari a circa 2,5 miliardi di euro. Inoltre nel corso del 2017 Anas ha aggiudicato gare per un importo pari a circa 2,3 miliardi di euro triplicando l’importo del 2016.

“È una significativa iniezione di risorse per il mercato delle infrastrutture – ha commentato il Presidente di Anas, Gianni Vittorio Armani – destinata a rilanciare il settore e aumentare la forza lavoro impiegata. L’obiettivo di Anas, anche alla luce dell’ingresso nel Gruppo Fs Italiane, è di incrementare ulteriormente nel 2018 l’importo appaltato per lavori e forniture e servizi”.

In particolare nel corso del 2017 i bandi pubblicati hanno riguardato:

- Manutenzione per un valore prossimo a 1,5 miliardi;

- Nuove opere per un valore di oltre 0,4 miliardi;

- Beni e i Servizi per un valore di oltre 0,5 miliardi.

La tornata di bandi di fine anno, che coinvolge l’intera rete viaria gestita da Anas, riguarda appalti per l’affidamento di accordi quadro a livello nazionale per interventi di manutenzione per:

- corpo stradale del valore di 220 milioni di euro;

- sistemazione dei versanti rocciosi e protezione del corpo stradale del valore complessivo di 80 milioni di euro;

- adeguamento delle barriere di sicurezza e posa in opera di barriere stradali di “tipo Anas” e lavori complementari sulla rete viaria nazionale, del valore complessivo di 75 milioni di euro;

- realizzazione di sistemi per l’infrastrutturazione tecnologica delle strade. Si tratta di un importo di 10 milioni di euro che si aggiunge ai bandi pubblicati finora nell’operazione #stradatecnologica per un valore complessivo di 345 milioni di euro. L’appalto prevede la realizzazione di reti tecnologicamente avanzate anche in fibra ottica per la gestione e il monitoraggio da remoto degli impianti – presenti e di futura installazione – lungo le strade in gestione diretta; la rete è finalizzata al miglioramento dell’interconnessione anche con i sistemi tecnologici di ultima generazione;

- impianti tecnologici, del valore di 70 milioni di euro;

- risanamento strutturale gallerie, del valore di 80 milioni di euro;

- protezione catodico galvanica delle opere d’arte del valore di 20 milioni di euro.

Quattordici bandi interessano gli interventi di ripristino della viabilità colpita dal sisma nelle regioni Umbria, Marche e Lazio per un valore prossimo a 41 milioni di euro.

Inoltre, 6 bandi interessano la costruzione di nuove opere per 276 milioni di euro e nello specifico:

3 bandi sono i progetti approvati dal Consiglio di Amministrazione di Anas la scorsa settimana, per un valore complessivo di oltre 231 milioni di euro relativi alla Lombardia, alla Toscana e alla Campania. Nel dettaglio: in Lombardia, la Variante di Casalpusterlengo in provincia di Lodi, sulla strada statale 9 “Via Emilia” nonché la conseguente eliminazione del passaggio a livello sulla strada statale 234 “Codognese”, per oltre 106 milioni di euro. In Toscana, i lavori del lotto 4 dell’itinerario Internazionale E78 “Grosseto-Fano” per un valore di 80 milioni di euro. In Campania, i lavori di completamento del primo lotto sulla strada statale 212 “della Val Fortore” per un investimento complessivo di oltre 45 milioni di euro.

A questi si aggiungono nuovi lavori: in Veneto le opere di connessione alla variante di Bassano del Grappa sulla statale 47 “Valsugana” per un valore di 21 milioni di euro e altri due bandi in Puglia del valore complessivo di oltre 24 milioni di euro, uno di 9 milioni relativo ai lavori di riqualificazione urbana presso il comune di Palo del Colle, l’altro di circa 15 milioni di euro relativo all’ammodernamento ed adeguamento della statale 96 “Barese”, nel tratto compreso tra la fine della variante di Altamura e l’inizio della variante di Toritto (1° stralcio dal km 93,598 al km 99,043). Questi lavori completano il più ampio itinerario Bari-Altamura-Matera lungo circa 60 km.

Infine 6 bandi di gara per l’affidamento di accordi quadro per servizi di ingegneria per 136 milioni di euro, nello specifico:

- per la predisposizione di elaborati specialistici e di dettaglio e redazione grafica di elaborati progettuali a supporto delle attività di progettazione interna, del valore di 16 milioni di euro;

- per il monitoraggio ambientale in fase ante operam, in corso d’opera e post opera del valore di 40 milioni di euro,;

- per l’esecuzione di servizi di bonifica da ordigni bellici propedeutici all’avvio di lavori per un valore di 32 milioni di euro;

- per la progettazione esecutiva relativi a interventi di manutenzione straordinaria della sede stradale per un valore di 16 milioni di euro.

- per l’attività di ispezione principale di ispezione di ponti, viadotti e gallerie per un valore di 8 milioni di euro

- per l’esecuzione di prestazioni di progettazione ovvero di attività di supporto alla progettazione, relative ai livelli di approfondimento di fattibilità tecnica ed economica, di progettazione definitiva e di progettazione esecutiva del valore di 24,7 milioni di euro, tramite accordi quadro di durata quadriennale relativa all’A2 “Autostrada del Mediterraneo”, nell’ambito del progetto Smart Road. I 136 milioni di euro si aggiungono ai 234 milioni già pubblicati nel 2017 totalizzando 370 milioni di euro pubblicati per l’affidamento di accordi quadro per servizi di ingegneria nel corso dell’anno. Per informazioni dettagliate sui singoli bandi di gara è possibile consultare il sito internet www.stradeanas.it alla sezione appalti. Roma, 2 gennaio 2018 ++++++++++++++

AGGIORNATO IL
19/04/2018 02:03:32

L'INFORMAZIONE

RUBRICHE