Martedì, 21/11/2017
21:58

Direttore responsabile Franco Musso

ASSOCIAZIONE RADIO ASTI EUROPA P.IVA 01553610054

 

Home Page

 

 

 


+++++++++++
mercoledì 22 novembre 2017, ore 19.00, all'Istituto Italiano di Cultura Colonia

Fra Terra e Cielo, Materia e Spirito

Musica progressiva ed intuitiva con Markus Stockhausen, tromba/flicorno (serpentone) e elettronica,

Fabio Mina, flauti ed elettronica, e Enzo Carpentieri, percussione.

Oltre i limiti stilistici, aperto alle ispirazioni del momento, con stili immaginativi e forti, che scatenano la fantasia e i sentimenti del pubblico, i tre musicisti provenienti dall’Italia e dalla Germania riescono di creare una nuova musica che ad un altissimo livello musicale e tecnico è nel vero senso della parola contemporanea.

Fabio Mina ha incontrato Markus Stockhausen già nel 2007 durante un seminario di musica intuitiva e si è individuato uno dei flautisti italiani più interessante, soprattutto grazie all’ applicazione di effetti sonori elettronici. Insieme a Markus Stockhausen si è già esibito presso l’Istituto Italiano di Cultura di Colonia.

Enzo Carpentieri è un jazzista italiano di prima ora, ha dato innumerevoli concerti ed è aperto musicalmente a sinergie spontanee.

Markus Stockhausen che va oltre i limiti, è da più di 40 anni un musicista di fama internazionale. I tre musicisti hanno dato già concerti in Italia. Questo concerto sarà l’esordio del Trio in Germania.

Ingresso gratuito.
+++++++++++
giovedì 23 novembre 2017, ore 19.00, all'Istituto Italiano di Cultura Colonia

La cena per farli conoscere
Regia: Pupi Avati, I 2007, 99’, con Diego Abatantuono, Vanessa Incontrada

Una commedia, di certo brillante, ambientata ai nostri giorni in una Roma natalizia, scintillante di luci. In questa atmosfera Sandro Lanza, che fa l‘attore, vive il periodo indubbiamente più complicato della sua esistenza. Negli ultimi anni ha perduto capelli, amici e soprattutto quella facilità di battuta, spesso crudele, con la quale sapeva risolvere a suo vantaggio qualsiasi situazione. Oggi, dopo dieci anni, non è più protagonista della serie TV che interpretava; al contrario la sua presenza negli episodi si è di gran lunga ridotta e il suo personaggio è quasi diventato una comparsa.

Dopo essersi sottoposto ad un intervento di chirurgia estetica dall‘esito non proprio soddisfacente, tenta la carta del suicidio „annunciato“ sperando di riconquistare anche l‘attenzione dei rotocalchi. E‘ forse la forma di ricatto più vile, di certo la meno pericolosa. Ricoverato in ospedale, viene raggiunto dalle sue tre figlie: Ines che fa la giornalista a Parigi, Clara giovane pediatra spagnola sposata con Federico e Betty la più piccola, romana, sposata con Matteo. Così le tre sorelle si ritrovano, dopo tanti anni, nella sontuosa villa di Betty per decidere come comportarsi con il padre; e stabiliscono tra di loro, per la prima volta, un rapporto autentico.

Che Sandro Lanza si salvi lo si sarà intuito da subito. Che abbia bisogno urgente di dare una svolta alla sua vita, anche. L‘unica idea che in queste circostanze può nascere nella mente di una donna: fargli incontrare una persona giusta, Alma Kero una donna vera, colta, intelligente, autonoma. Il tipo di donna che Sandro Lanza ha da sempre fuggito. Ma, a sua insaputa, si sta già organizzando la cena per farli conoscere...
Ingresso gratuito.
+++++++++++
venerdì 24 novembre 2017, ore 19.00, all'Istituto Italiano di Cultura Colonia

Taccuino sannita. Ricette molisane degli anni Venti

La curatrice Manuela De Leonardis presenterà il libro

„Zia Nora, la sorella più grande di mio padre, ha ancora il ferro su cui è impressa la data 1903 che era proprio lei, da ragazzina, insieme al fratello maggiore Cesare, a poggiare sui carboni della cucina, in attesa che l‘impasto di uova, farina e zucchero prendesse forma. Una volta staccate, venivano messe a piramide sul piatto di portata e spolverate con lo zucchero, prima di essere coperte con il tovagliolo.“

Questo libro è un concentrato di storia, arte e cibo. Le ricette raccolte, un centinaio tra salati e dolci, sono state scritte con l‘inchiostro bruno da tre mani femminili di tre diverse generazioni. La cucina che racconta questo libro, con le sue scelte lessicali e le sue contaminazioni, ci riporta a un Molise dimenticato, traducendo in termini di gusto anche i radicali cambiamenti socio-culturali dell‘antica terra Sannita.

Nella preparazione di molte ricette tipiche, come i caragnoli, i mostaccioli, i fiadoni, i raffiuoli, i bocconotti, si riflette l‘influenza della gastronomia napoletana e pugliese, a loro volta frutto dell‘elaborazione di tradizioni secolari di sudditanza a popoli diversi.

Autore delle tavole all'interno del libro è l'artista minimalista americano Jack Sal che a Colonia ha esposto più volte, tra cui nel 1995 il progetto "Project/Projekt: Untitled" al Museum Ludwig e nel 2003 la personale "Salt/Block" alla Galerie Brigitte Schenk.

Con degustazione.

Ingresso gratuito. Prenotazione: tel. (0221) 9405610 o eMail iiccolonia@esteri.it
+++++++++++++++++++++++++++
lunedì 27 novembre 2017, ore 19.00, all'Istituto Italiano di Cultura Colonia

Concerto con Dino De Palma - Gianna Fratta

Il Duo Dino De Palma - Gianna Fratta presenterà opere di Johannes Brahms, Edvard Grieg, Umberto Giordano, Niccolò Paganini, Charles Saint-Saens e Pablo de Sarasate.

Gianna Fratta, direttrice d‘orchestra e pianista italiana, ha completato la formazione superiore accademica in pianoforte e composizione col massimo dei voti, oltreché in direzione d‘orchestra con 10 e lode, studiando con i maestri Daniela Caratori, Ottavio De Lillo e Rino Marrone. Si è perfezionata in pianoforte con Franco Scala ad Imola e Sergio Perticaroli a Roma e ha ottenuto il prestigioso diploma di merito e la borsa di studio all‘Accademia Chigiana di Siena a seguito del corso di direzione d‘orchestra tenuto dal M° Yuri Ahronovich. È laureata in giurisprudenza, oltreché in discipline musicali. Ha vinto numerosi concorsi nazionali e internazionali. Nel 2010 ha debuttato con l‘Ensemble Umberto Giordano alla Carnegie Hall di New York con grande successo.

Dino De Palma ha terminato con lode il corso accademico di violino e col massimo dei voti quello in viola, si è laureato con 110 e lode in Lettere. La sua carriera di solista e camerista lo ha portato ad esibirsi in tutto il mondo in sale e teatri come la Carnegie Hall e il Lincoln Center a New York, il Centro Pompidou a Parigi, il Seoul Art Center a Seoul, l’Auditorium Nazionale di Madrid, il Teatro Solis a Montevideo e moltissimi altri in tutto il mondo.

In collaborazione con l‘Associazione degli Amici dell’Istituto.

Ingresso gratuito.
+++++++++++
venerdì 1° dicembre 2017, ore 09.15, all'Istituto Italiano di Cultura Colonia

150 anni di Pirandello

Simposio in collaborazione con l‘Italien-Zentrum Bonn con programma di conferenze italo-tedesco

in seguito alle ore 19.30

l‘ensemble italo-tedesco „Musa“ dell‘Università di Bonn presenta

„La Giara“, spettacolo teatrale di Luigi Pirandello. In italiano con sopratitoli in tedesco. Durata 45 min. Regia: Eugenia Fabrizi.

Il Simposio viene continuato il 2 dicembre alle ore 9.15 all'Università di Bonn (Senatssaal).
+++++++++++++
lunedì 11 dicembre 2017, ore 19.00, all'Istituto Italiano di Cultura Colonia

Inaugurazione della mostra

Scritture di luce - Fotografie di Bruno Orlandoni e Alma Zoppegni
in presenza degli artisti

Durata: 11.12.2017 - 10.01.2018

Le due diverse operazioni portate avanti dagli autori hanno una serie di elementi comuni, e alcunecontrapposizioni nette quanto mai significative. In entrambi i casi lo strumento fondamentale

dell’operazione artistica è la luce: naturale nel caso di Alma Zoppegni, artificiale in quello di Bruno Orlandoni. E’ la luce che, con i suoi effetti, i suoi riflessi, la sua stessa natura, tramite le leggi fisiche della riflessione e della rifrazione, costruisce interi universi di immagini in trasformazione.

La luce naturale di Zoppegni è una luce in continuo movimento. Quella artificiale di Orlandoni è statica e il movimento è dato dal gesto del fotografo.

Orario di apertura: Lu - Ve ore 9-13 e 14-17
Ingresso gratuito.
+++++++++++
mercoledì 13 dicembre 2017, ore 19.00

all'Istituto Italiano di Cultura Colonia

I Solisti Aquilani: Oltre confine


Opere di Luigi Boccherini, Horacio Salgán, Carlos Di Sarli, Massimiliano Tisano, Osvaldo Pugliese, Nino Rota e Bela Bartók.
Con il solista Adriano Walter Rullo, chitarra. Direttore: Maurizio Cocciolito.

Il tema ispiratore della serata è la trasversalità dell‘arte. La musica popolare è stata una fonte d‘ispirazione per molti compositori di „musica colta“; e così questa è stata il punto di partenza per molti capolavori afferenti ad ambiti molto diversi.

I Solisti Aquilani si costituiscono nel 1968. Hanno un repertorio che abbraccia le più diverse epoche musicali. Per l’ottimo livello delle esecuzioni, l’alto numero dei concerti effettuati, l’ampio repertorio, la vastissima dislocazione dei centri raggiunti e l’unanime consenso di pubblico e di critica, I Solisti Aquilani hanno conquistato una precisa e insostituibile posizione nel quadro delle più prestigiose formazioni cameristiche internazionali.
Hanno effettuato tournée in tutto il mondo. Numerose sono le incisioni discografiche e registrazioni radiofoniche e televisive realizzate in Italia e all’estero. Nel 2015 hanno eseguito l’integrale dei „Concerti Brandeburghesi” di J. S. Bach al Festival di Ravello.

Nel 2016 I Solisti Aquilani hanno tenuto un concerto, in diretta radiofonica su Radio3 - RAI, nella Cappella Paolina del Quirinale, alla presenza del Presidente della Repubblica. Sempre nel 2016, hanno suonato alla Kammermusiksaal Philharmonie di Berlino. L’1 giugno 2017 si sono esibiti al Quirinale con Giovanni Sollima, su invito del Presidente della Repubblica, in diretta televisiva RAI. Dal 2013 la direzione artistica è affidata a Maurizio Cocciolito.

Ingresso gratuito.
++++++++++++++++



L'Istituto Italiano di Cultura di Colonia, inaugurato nel 1954, è un ufficio del Ministero degli Affari Esteri il cui scopo è la diffusione della lingua e della cultura italiana all'estero.

L'Istituto offre

corsi di lingua italiana di vari livelli,
manifestazioni culturali: rassegne cinematografiche, spettacoli teatrali, mostre, concerti, incontri letterari, ma anche conferenze e dibattiti su vari temi scientifici e di attualità,
un'ampia biblioteca attrezzata di 19.000 volumi e una videoteca di 1500 cassette e DVD.
L'ingresso alle manifestazioni culturali e l'utilizzo della biblioteca sono - di regola - gratuiti.

L'Istituto dispone di cinque aule per i corsi d'italiano, di una biblioteca con sala di lettura, di una sala-teatro con ca. 200 posti, completamente attrezzata per rappresentazioni teatrali, cinematografiche e videoproiezioni, nonché di un vasto foyer e di altri spazi che consentono l'allestimento di mostre ed esposizioni. L'organico è attualmente di sei persone.

Collaborazioni
Per molte manifestazioni l’Istituto si avvale della collaborazione diretta con gli assessorati alla cultura delle varie città della giurisdizione. Intensa è anche la collaborazione con le università della regione Nordreno-Vestfalia e con istituzioni culturali di vario tipo: dall’ente radiotelevisivo WDR alla Tanzhaus NRW di Düsseldorf, dal Museo Romano-Germanico al Museo Wallraf-Richartz di Colonia, dalla Collezione d'Arte del Nordreno-Vestfalia a Düsseldorf alla Ruhrtriennale, come documentato dal programma.
L’Istituto è inoltre presente con una sua manifestazione nei principali appuntamenti culturali della città quali, ad esempio, Passagen (design) e Plan (architettura). Tra i principali festival cui l’Istituto è solito partecipare regolarmente si annoverano la Triennale di Musica di Colonia e Litcologne, annuale festival delle letterature.
Alcuni eventi sono frutto di collaborazione con altri istituti culturali stranieri presenti in loco in particolare con quello francese e giapponese, nonché con l'istituto spagnolo di Düsseldorf.

Dal novembre 2014 l’Istituto ha allargato la propria area di competenza all'Assia. In tal senso si è stabilito un rapporto di cooperazione anche con le principali istituzioni culturali della città di Francoforte e del Land, e in particolare con la Fiera Internazionale del Libro, il Museo del Cinema, Luminale, il Festival Europeo della Musica, la Fiera della Musica, il Festival del Documentario di Kassel. L'Istituto ha quindi aderito anche al Cluster Eunic di Francoforte. Da sessant'anni un angolo d'Italia a Colonia! ++++++++++++++++++

AGGIORNATO IL
21/11/2017 11:42:57

L'INFORMAZIONE

RUBRICHE