Martedì, 21/11/2017
22:05

Direttore responsabile Franco Musso

ASSOCIAZIONE RADIO ASTI EUROPA P.IVA 01553610054

 

Home Page

 

 

 

CONSIGLIO REGIONALE DEL PIEMONTE

Il Consiglio consegna una targa di riconoscimento a Felice Cumino, alpino dell'anno

Il rivolese Felice Cumino, classe 1934, ha ricevuto nelle settimane scorse ad Alassio il premio "Alpino dell'Anno", che viene assegnato dal 1974 a coloro che in attività o in congedo si sono distinti per aver tenuto alti i valori caratteristici dell'essere alpino.
Il Consiglio regionale del Piemonte ha voluto riconoscere l'impegno di Cumino consegnandogli una targa, lunedì 20 novembre a Palazzo Lascaris.
Presenti alla cerimonia il presidente del Consiglio Mauro Laus, il vicepresidente Nino Boeti e il presidente della Giunta Sergio Chiamparino.
+++++++++++++++


Tavolo regionale degli Stati generali della fotografia: una dichiarazione dell’assessore Parigi

Torino, 20 novembre 2017 - “Crediamo nella fotografia come bene culturale ed elemento fondamentale della creazione contemporanea: per questo abbiamo colto l’invito del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per organizzare un’occasione di confronto con gli operatori, con l'obiettivo, da parte nostra, di inserire la fotografia nella legislazione regionale, e anche sostenerla, promuovendo allo stesso tempo la creazione di reti e progettualità comuni”. Lo dichiara Antonella Parigi, assessore alla cultura e al turismo, intervenuta oggi al tavolo di lavoro regionale organizzato dalla Regione Piemonte nell’ambito degli Stati generali della fotografia, promossi e coordinati dal MiBACT.

“Ringraziamo il Ministero e Lorenza Bravetta, consigliera del ministro per la valorizzazione del patrimonio fotografico, per questa importante opportunità di collaborazione – aggiunge l’assessore Parigi – che intendiamo proseguire, confrontandoci non solo con gli addetti ai lavori, ma anche con gli enti locali”.

+++++++++++++

Inchiesta "malacarne", situazione sotto controllo
L’assessore risponde al consigliere Bono: sospesa la fornitura della ditta sotto indagine
L’azienda al centro di un’inchiesta condotta dalla Procura di Firenze e chiamata "malacarne", per la fornitura di carne “non conforme” destinata a mense scolastiche e ospedaliere, nel marzo 2017 si è aggiudicata l’appalto per la fornitura di carni bianche e uova alla mensa dell’ospedale di Ciriè. L’appalto scadrà nel marzo 2018 ma dal 9 novembre, in via precauzionale, l’Asl To4 ha immediatamente sospeso gli ordini.
Così l’assessore Alberto Valmaggia, per conto dell’assessore alla Sanità Antonio Saitta, ha replicato all’interrogazione a risposta immediata presentata dal consigliere Davide Bono (M5s), che chiedeva di conoscere le misure previste per evitare che in futuro gli appalti delle Aziende sanitarie regionali siano aggiudicati, in base al criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, a ditte che incidono sulla salute pubblica senza rispettare le regole in materia di alimentazione.

++++++++++++++

Approvato a maggioranza (28 sì e 12 no) l’Assestamento del bilancio 2017-2019 nella seduta serale del Consiglio regionale del 14 novembre. Tra le diverse misure contenute nel provvedimento alcune hanno avuto il contributo delle opposizioni.

Come previsto da un emendamento del gruppo M5s, primo firmatario Giorgio Bertola, sottoscritto poi anche da Caludia Porchietto (FI), anche i veicoli ibridi sotto i 100 kw avranno l’esenzione dal bollo, nei primi 5 anni di immatricolazione, come le auto a doppia alimentazione gas/benzina. La potenza è calcolata sul motore termico mentre per quello elettrico l’esenzione è totale.
15/11/17
+++++

Novità per il sostegno dei non occupati: l’assessore alle Politiche sociali Augusto Ferrari, illustrando le misure di sua competenza nel Documento di economia e finanza regionale (Defr) 2018-2020 alla quarta Commissione presieduta da Domenico Ravetti, ha spiegato che la materia dal 2018 in poi passerà dal cosiddetto “Sostegno per l’inclusione attiva” (Sia) al “Reddito d’inclusione” (Rei) e tale riforma garantirà un ampliamento di risorse da 650 milioni a 1,7 miliardi a livello nazionale. Di questa cifra, una percentuale pari al 15 per cento sarà destinata agli ambiti territoriali, per rafforzare le politiche d’inclusione. Sono inoltre previste, da parte dell’assessorato, azioni per il reinserimento sociolavorativo, l’avvio di percorsi per senza fissa dimora, la riforma degli assegni di cura per costruire un sistema più omogeneo e meno frammentato. In programma anche interventi a sostegno della tutela dei minori, dei Centri per le famiglie e del servizio civile universale.

+++++++++++++

31/10/17
Al via il corso di formazione per tutori volontari di minori stranieri non accompagnati

Al via il corso di formazione per i primi 100 candidati a tutori volontari di minori stranieri non accompagnati: le lezioni si terranno al Campus Einaudi di Torino, inizieranno il 4 novembre e termineranno il 16 dicembre. In totale le ore di corso saranno 24.

Sono oltre 500 i piemontesi che hanno inviato la propria candidatura alla garante dell'Infanzia e dell'Adolescenza con lo scopo di diventare tutore volontario per minori stranieri non accompagnati, una figura che è stata introdotta dalla legge 47 del 7 aprile 2017. Al 31 gennaio di quest'anno in Piemonte erano presenti oltre 1.000 minori stranieri non accompagnati.

Il primo corso coinvolgerà circa 100 cittadini e cittadine. Un secondo corso partirà a febbraio 2018 e saranno attivati successivamente altri corsi sino a esaurire tutte le richieste giunte alla garante dell'Infanzia e dell'Adolescenza. Saranno in parte consistente erogati in modalità a distanza per favorire la partecipazione di candidati residenti in tutto il territorio piemontese.
+++++++++++++

25/10/17
Diventiamo cittadini europei, il corso per insegnanti a Palazzo Lascaris

Illustrati in Aula i temi del concorso su cui dovranno cimentarsi gli studenti degli istituti superiori.

La Brexit, ovvero l’uscita del Regno unito dall’Unione europea e le politiche sociali e occupazionali dell’Unione europea sono i due temi proposti per il concorso Diventiamo cittadini europei. Per un’Europa più unita, più democratica e più solidale. L’iniziativa, promossa dal Consiglio regionale del Piemonte e dalla Consulta regionale europea in collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale e il Parlamento europeo, è riservata agli studenti e alle studentesse degli Istituti d’istruzione secondaria di II grado del Piemonte. Per illustrare i temi in questione e offrire un approfondimento, il 25 ottobre nell’aula di Palazzo Lascaris si è svolto il corso di aggiornamento per insegnanti.
Ad aprire i lavori della mattinata Daniela Ruffino, vicepresidente del Consiglio regionale con delega alla Consulta europea, che ha sottolineato l’importante ruolo degli insegnanti nella formazione dei giovani che saranno i cittadini europei di domani. "Siamo giunti alla 34esima edizione del concorso e in tutti questi anni la Consulta europea ha coinvolto oltre 200mila studenti", ha dichiarato Ruffino, "un contributo di cui siamo orgogliosi perché va nella direzione di favorire la comprensione della storia e di stimolare un confronto sulla costruzione della casa dell’Europa, che può nascere solo da cittadini consapevoli e da comunità locali forti e solidali”.


Torino, 15 settembre 2017

Per i detenuti in Piemonte arriva la guida ai penitenziari

Un vademecum per aiutare i detenuti a orientarsi nei meandri della comunità penitenziaria. Lo ha realizzato il Comitato regionale per i Diritti umani, presieduto dal presidente dell’Assemblea legislativa Mauro Laus, con il garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale Bruno Mellano.

La pubblicazione - edita dal Centro stampa della Regione e curata dall’Associazione Sapori reclusi nell’ambito del progetto Stampatingalera, ospitato all’interno della Casa circondariale di Saluzzo (Cn) - viene presentata lunedì 18 settembre alle 12 nella Sala Viglione di Palazzo Lascaris.

Con la vicepresidente del Comitato regionale per i Diritti umani, Enrica Baricco,e il garante Mellano intervengono la direttrice del dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli studi di Torino Laura Scomparin e il nuovo provveditore dell’Amministrazione penitenziaria per il Piemonte, la Liguria e la Valle d’Aosta Liberato Guerriero.

Il vademecum, che si propone come strumento conoscitivo per fornire informazioni ai detenuti ristretti nelle tredici carceri del Piemonte, rappresenta un’ideale integrazione alla “Guida ai diritti - Orientarsi tra norme e pratiche penitenziarie”, realizzata dal dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Torino.

++++

Il Consiglio regionale sta "dalla parte del cuore"
Presentato il programma di iniziative piemontesi per la prevenzione cardiovascolare, in occasione della Giornata mondiale del cuore.


Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte nei Paesi dell’Unione Europea, con più di 1,8 milioni di vittime all’anno. Un numero che si può ridurre del 25% entro il 2025 secondo la World Heart Federation di Ginevra semplicemente cambiando il proprio stile di vita.

È l’obiettivo del programma “25by25”, di cui Torino e il Piemonte hanno raccolto la sfida in occasione della Giornata Mondiale del Cuore 2017, per la quale l’Associazione Italiana Cuore e Rianimazione “Lorenzo Greco”, membro nazionale della World Heart Federation, in collaborazione con Piemonte Cuore Onlus, organizza un intenso programma di iniziative che, fino al 1° Ottobre, punteranno su temi quali la sensibilizzazione dei giovani, la cura del proprio cuore attraverso il controllo, l’attività fisica e l’alimentazione.

"Prosegue - evidenzia Mauro Laus, presidente Consiglio regionale del Piemonte - il sostegno degli Stati generali dello Sport e del benessere alle iniziative volte a informare, educare e sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della prevenzione, attraverso l’attività fisica e l’alimentazione, e dell’adozione di corretti stili di vita. Il tema sul quale, iniziative come questa, ci portano a riflettere è quello della responsabilità individuale del cittadino a mantenere in salute il proprio corpo. Un percorso che deve ovviamente essere continuo e durare 365 giorni l’anno. E’ poi compito delle istituzioni salvaguardare i cittadini in situazioni di emergenza e offrire loro tutte le informazioni e gli strumenti necessari per concedersi la possibilità di vivere più a lungo e in salute. Sarà mia cura interpellare i servizi di prevenzione e protezione delle aziende affinché, nella valutazione rischi, venga considerato anche il rischio cardiaco. Ad oggi, cosi come sono, le valutazioni rischio sono di fatto incomplete. La sfida è quella di promuovere sempre più la conoscenza delle misure di primo soccorso e l’uso del defibrillatore negli spazi pubblici, capillarmente sul territorio, affinché il Piemonte diventi una regione cardioprotetta”.

«Il cambiamento dello stile di vita - sottolinea Marcello Segre, presidente dell’Associazione italiana Cuore e Rianimazione e di Piemonte Cuore – è la chiave per raggiungere gli obiettivi del programma mondiale “25by25”. Attraverso i gesti quotidiani potremo non solo migliorare lo stato di salute del nostro cuore, ma anche aumentare la sopravvivenza alle malattie cardiovascolari, riconosciute come la prima causa di morte e di invalidità a lungo termine e il cui peso economico e morale su famiglie e società non va sottovalutato. La prevenzione è tanto più efficace quanto prima riesce ad entrare nella nostra vita: i giovani infatti sono al centro dei nostri progetti e a loro dedichiamo le risorse che raccogliamo dai nostri sostenitori. Possiamo farlo grazie all’appoggio e alla collaborazione con le istituzioni e gli enti territoriali, con il mondo scientifico e gli specialisti locali e internazionali. La lotta a cattiva alimentazione, sedentarietà, fumo e abuso di alcol, che agiscono in età molto precoci e in modo silente, è lo strumento migliore che abbiamo per proteggere le nostre vite».

AGGIORNATO IL
21/11/2017 11:42:57

L'INFORMAZIONE

RUBRICHE